Sono tre dei più importanti giocatori prodotti negli ultimi anni dal nostro vivaio i protagonisti dell'Alma Mater di questa settimana.

 

Yancarlos Rodriguez è uno dei protagonisti dello splendido 2019 dei Roseto Sharks, tra le formazioni più in forma del Girone Est di Serie A2. Nel nuovo anno la squadra del coach Germano D'Arcangeli ha vinto il 67% delle partite giocate, 8 su 12 per la precisione, l'ultima domenica scorsa nello scontro diretto per le zone basse delle posizioni playoff ai danni dell'Assigeco Piacenza, battuta per 82-72 in Abruzzo. Nel successo che sistema sempre più dentro le fatidiche prime nove della classifica il quintetto rosetano, mettendo contemporaneamente dietro di sé in maniera forse definitiva una diretta avversaria come l'Assigeco, ora a 4 punti di ritardo e con lo 0-2 nello scontro diretto a 4 turni dalla fine della regular season, il play classe '94 ha messo a referto per la seconda volta consecutiva 16 punti, tirando con 3/3 da due, 1/3 da tre e 7/7 ai liberi, a cui ha aggiunto anche 3 assist per 19 di valutazione nei 27 minuti giocati. Al settimo posto attuale degli abruzzesi a pari merito con Mantova “Jef” (foto Daniele Capone) sta contribuendo con 9.0 punti, 2.9 assist e 1.9 recuperi (il migliore della squadra) in 26.0' per gara e la presenza tra i Top Five del girone nella classifica dei migliori tiratori di liberi con l'87.3% (3.9 tentativi di media) che lo colloca al 5° posto assoluto, secondo tra gli italiani.

 

Restando nel secondo campionato nazionale ma spostandoci nel Girone Ovest, terza apparizione in rubrica nelle ultime quattro per Tommaso Guariglia, che sta vivendo un mese di grazia. Nella gara casalinga contro Casale Monferrato il 22enne centro è stato il top scorer dei suoi con 18 punti, suo nuovo record stagionale. Il 2.05 originario di Salerno (foto pagina Facebook della Fortitudo Agrigento) ha ottenuto il bottino con 3/5 da due, 3/6 da tre e 3/5 ai liberi in 26', mentre a rimbalzo i palloni catturati sono stati 7 per 21 di valutazione, anche in questa voce nuovo high della sua annata. La sua prova non è però bastata ad evitare il blitz dei piemontesi, passati in Sicilia per 88-81, sconfitta che comunque non pregiudica il cammino nella zona playoff degli agrigentini, ancora pienamente dentro con la quinta piazza a pari merito con Treviglio e Latina, a +4 sulla decima. Per Guariglia le medie stagionali sono ora salite a 6.0 punti+3.9 rimbalzi in quasi 16' ad incontro.

 

Non ci sono invece più aggettivi per descrivere il cammino di Alessandro Grande. Dopo tante prestazioni super in campionato e il trionfo in Coppa Italia della sua Omegna con il premio di MVP della Final Eight, il play classe '94 (foto presa dalla pagina FB della Fulgor Basket) si è superato ancora una volta nello scontro al vertice del Girone A di Serie B. Nella tana della capolista solitaria Piombino, la vicecapolista Omegna ha portato a casa uno scalpo ad effetto proprio con la tripla vincente dell'84-81 segnata dall'ex nerostellato a 5” dalla fine del tempo supplementare, divario mai più recuperato dai toscani, sconfitti 82-84 con perdita dell'imbattibilità stagionale al tredicesimo impegno interno. Il missile di Grande è stata la ciliegina sulla torta di una prestazione da incorniciare: 32 punti (nuovo primato personale in stagione) frutto soprattutto del 5/7 da tre, 7 rimbalzi e 3 assist per 29 di valutazione (season high eguagliato). Omegna si è scrollata di dosso in seconda piazza sia la Fiorentina che San Miniato rimanendo da sola alle spalle di Piombino, che ora ha solo 2 lunghezze di margine sui piemontesi, che hanno il 2-0 nello scontro diretto. Alessandro è il secondo miglior realizzatore dei suoi con 13.9 punti in quasi 32' per gara, con il 39.7% da tre (4 tiri e mezzo a partita) e l'80.0% dalla lunetta, ed ha cifre interessanti anche a rimbalzo (4.9) e di rilevo assoluto negli assist, specialità in cui con 4.4 passaggi vincenti di media è il numero uno tra assistman del girone.

Stellazzurra Basketball Academy: lo speciale di SkySport24!
Alma Mater: Amar Alibegovic vede la Serie A, Davide Pucci la rinascita