La Stella Azzurra torna a giocare in casa una partita del campionato di Serie B dopo una “campagna” di tre trasferte consecutive. Per l'occasione il ritorno è in grande stile, ospitando all'Arena Altero Felici la co-capolista del Girone D, il Basket Barcellona, nel match di sabato 10 marzo alle ore 18 all'Arena Altero Felici (ingresso gratuito) valido per la venticinquesima giornata, sestultima di regular season, la prima dopo la sosta per la disputa della Final Eight di Coppa Italia di Serie B che ha interessato da vicino gli ospiti odierni. La squadra nerostellata di Germano D'Arcangeli arriva alla sfida galvanizzata dai blitz vincenti sui campi di altre due appartenenti alla fascia più alta del torneo, Valmontone (76-86) e Salerno (63-79), due successi di fila che hanno proiettato sempre più dentro la zona-playoff Bayehe e compagni, settimi solitari della classifica a quota 28 punti. Dodici lunghezze più avanti ci sono i siciliani di Massimo Friso, che occupano il primo posto insieme a Palestrina anche se virtualmente sono secondi per lo scontro diretto a sfavore e non più modificabile coi prenestini. Barcellona arriverà nella Capitale dopo l'eliminazione per mano della Bakery Piacenza (70-74) nel primo turno della Coppa disputata a Fabriano, mentre a livello di campionato c'era stata in precedenza la larga affermazione ai danni di Venafro (82-60).

 

CASSAR Il roster stellino è nel pieno del suo miglior periodo stagionale. Otto le vittorie nelle ultime 9 partite, un ruolino che, giocando coi numeri, fa diventare la sfida coi barcellonesi una doppia prova del nove. Che i giocatori nerostellati sono ben consci di dover affrontare al massimo delle loro possibilità per provare ad allungare la striscia positiva: “Stiamo migliorando giorno per giorno e vogliamo continuare a vincere contro un'altra avversaria dell'alta classifica”, proclama Kurt Cassar (nella foto in bianco e nero di Cristiana Castano). “Sarà un test per vedere ancora una volta come stiamo messi, Barcellona è un'altra grande squadra come lo erano Valmontone e Salerno, stavolta abbiamo il vantaggio di giocarla in casa e quindi l'obiettivo deve essere ancora maggiormente la vittoria, per salire in maniera ulteriore all'interno della zona-playoff”, si augura il pivot di 2.08 classe '99.

 

SFIDA “NUOVA” All'andata in Sicilia Barcellona si impose per 75-62, costruendo quasi tutto il +13 finale nel quarto conclusivo, dopo il -2 di fine terzo. La partita del PalAlberti - dove Barcellona è ancora imbattuta in stagione, l'unica del Girone D insieme alla coinquilina Palestrina a non aver ancora conosciuto sconfitte nelle 12 occasioni casalinghe (8-4, il bilancio in trasferta) - fa poco testo, tuttavia, per la partita dell'Arena Felici. Entrambe le formazioni hanno cambiato l'occupante della regia titolare, Mattia Caroldi per Giovanni Bruni i siciliani, Yancarlos Rodriguez i nerostellati, che dal suo arrivo hanno cambiato passo in modo poderoso, soltanto vittorie nelle sette partite giocate dal 23enne prodotto “di ritorno” del vivaio nerostellato, atteso peraltro dalla gara dell'ex con Barcellona, sua formazione nella scorsa stagione: “Senza Bruni i siciliani sono un'altra squadra, per quanto ci riguarda Yancarlos ci sta aiutando moltissimo”, conferma Kurt. “Molti dei destini dell'incontro, tuttavia, credo si decideranno da come andrà la lotta tra i due settori lunghi. Loro possono disporre di due dei migliori lunghi della categoria come Brunetti e Sereni, ma anche noi, tra me, Juan e Jordan (rispettivamente Caceres e Bayehe, ndr), possiamo fare la differenza lì sotto il canestro”.

 

PERIODO FELICE Una dichiarazione di forza che prende maggiore consistenza anche alla luce dell'ultima prestazione offerta da Cassar, che a Salerno ha probabilmente giocato la sua migliore gara dell'annata, ritoccando il record personale nell'indice di valutazione con 23, il più alto in partita della squadra, frutto di 12 punti e 9 rimbalzi tirando con 5/5 dal campo: “Voglio fare sempre la differenza tra una partita e l'altra, era da tanto tempo che giocavo male, non davo quello che serviva, contro Salerno sono invece entrato in partita coi rimbalzi offensivi, che mi hanno messo subito in clima-partita segnando canestri direttamente da rimbalzo e questo mi ha dato fiducia per fare la prova che ho fatto. Obiettivi di classifica? A mio avviso possiamo raggiungere con relativa tranquillità i playoff, magari superando in classifica la LUISS (4 punti più sopra ma con scontro diretto pro-Stella, ndc) e chiudendo quindi al sesto posto, piazzamento che ci darebbe un'avversaria meno complicata nel primo turno playoff incrociato con il Girone C. Io la vedo così, ma chiaramente soltanto dopo aver giocato una gara dopo l'altra si potrà vedere se avrò avuto ragione oppure no”.

 

ITALIANO Nel frattempo un risultato il centro originario di Malta l'ha già messo in cassaforte nei giorni scorsi, diventare un giocatore di formazione italiana grazie ai 4 anni di permanenza nelle giovanili nerostellate: “E' un bellissimo traguardo per me. Sperando di disputare in futuro la Serie A1 o la Serie A2 potrò giocare da italiano e quindi la mia squadra potrà prendere un americano senza che io vada ad occupare un posto destinato agli stranieri. E' un fatto che, già adesso, mi dà tranquillità dal punto di vista mentale su quella che sarà la mia carriera”.

 

FINAL EIGHT EUROLEGA U18 A proposito di belle notizie nel mondo stellino, è appena dell'altroieri che la formazione U18 della Stellazzurra Basketball Academy ha ottenuto da Euroleague Basketball la wild card per andare a disputare la seconda Final Eight della sua storia dell'Eurolega giovanile, l'Adidas Next Generation Tournament. Il merito è anche della finale raggiunta a metà gennaio dai ragazzi di D'Arcangeli nella tappa di regular season di Kaunas, dove hanno eliminato nel girone di qualificazione i padroni di casa dello Zalgiris, che non perdevano sul proprio parquet dal 2012 nella massima competizione continentale giovanile per club. A Belgrado, dove in quegli stessi giorni si giocherà la Final Four dell'Eurolega senior, Kurt non potrà esserci per superato limite d'età, ma testimonia come la grande novità sia stata accolta in modo entusiastico dai tanti giovani compagni del roster della Prima Squadra: “E' una grande figata per loro, una bellissima esperienza. Specialmente avranno il privilegio di assistere dal vivo alla Final Four dell'Eurolega dei grandi. A parte l'importanza di giocare il torneo U18, infatti, possono guardare dal vivo super squadre e super giocatori e imparare da questo, perchè dal televisore al guardarli dal vivo cambia molto. La tappa precedente dell'ANGT di Kaunas ha dimostrato che sono una squadra forte. Avrei sperato di parteciparvi anch'io in passato alla Final Eight ma non è successo, peccato”.

 

MEDIA La gara con il Basket Barcellona potrà essere seguita anche attraverso gli aggiornamenti frequenti sul nostro account Twitter @StellaAzzurraRo

 

 

La Stellazzurra alla Final Eight di Belgrado dell'Eurolega U18: il club nerostellato ottiene la wild card per l'atto conclusivo dell'ANGT
Continua il lungo momento d'oro in Serie B: rimonta-capolavoro contro la capolista Barcellona